La leggenda racconta di una bellissima donna che costrinse la sua nutrice assai malvagia a rifugiarsi tra le Dolomiti, in una punta rocciosa che prese così il nome di Sass de Stria per il suo inconfondibile profilo a forma di naso della strega.